Loader Image
Gal, l’ascolto del territorio prosegue a Vico Equense: la penisola protagonista dello sviluppo

Gal, l’ascolto del territorio prosegue a Vico Equense: la penisola protagonista dello sviluppo

La manifestazione, intitolata “Animazione Territoriale – Condividiamo lo sviluppo del territorio”, è voluta dall’Ente Parco Regionale dei Monti Lattari che sta fungendo da organizzatore del costituendo Gruppo

Appuntamento lunedì 11 luglio alle ore 19 presso il Complesso Ss. Trinità e Paradiso in viale Rimembranza

Prosegue l’ascolto del territorio da parte del “Gruppo di Azione Locale (Gal) Terra Protetta”. Dopo il successo dell’evento tenutosi nei giorni scorsi a Sorrento, i soggetti coinvolti nel progetto si riuniranno a Vico Equense. L’incontro si terrà lunedì 11 luglio alle ore 19 presso il Complesso Ss. Trinità e Paradiso in viale Rimembranza.
La manifestazione, intitolata “Animazione Territoriale – Condividiamo lo sviluppo del territorio”, è voluta dall’Ente Parco Regionale dei Monti Lattari che sta fungendo da organizzatore del costituendo Gal, chiedendo la disponibilità a molti Comuni del territorio. Ben 22 i Comuni coinvolti nell’iniziativa, oltre a Ente Parco Regionale dei Monti Lattari, Comunità Montana dei Monti Lattari e Città Metropolitana di Napoli.
Per la prima volta quest’anno la Regione Campania ha inserito la penisola sorrentina e quella amalfitana nelle aree dov’è possibile costituire un Gal, un Gruppo capace di recepire le misure europee del Psr, ovvero il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020.
Il Gruppo di Azione Locale (Gal) è uno strumento di programmazione che riunisce tutti i potenziali attori dello sviluppo (quali sindacati, associazioni di imprenditori, imprese, Enti locali, associazioni del terzo settore) che propone un “progetto di territorio” ed elabora un Piano di Sviluppo da mettere in pratica attraverso l’utilizzo dei fondi del Psr.
Gli incontri d’ascolto del territorio servono, appunto, a sviluppare il Piano tramite proposte, progetti e iniziative. Il Gal si ispira alle logiche programmatorie e decisionali partecipate, previste dall’approccio Leader, e concretizza il suo operato attraverso la definizione di una propria Strategia di Sviluppo Locale (Ssl).

guarda il video